Capponi Claudio https://www.capponiclaudio.it Tue, 13 Aug 2019 19:41:25 +0000 it-IT hourly 1 FARFISA DAY https://www.capponiclaudio.it/farfisa-day/ Sun, 11 Aug 2019 19:49:23 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=16093 FARFISA DAY  CASTELFIDARDO (ANCONA)  15 SETTEMBRE 2019

 

Carissimi amici,
vi informo che a seguito del successo delle iniziative precedenti, anche quest’anno
abbiamo organizzato la manifestazione Farfisa Day 8° Edizione
Si svolgerà domenica15 Settembre  2019 a Castelfidardo (Ancona) Patria della fisarmonica
e degli strumenti musicali.
Per raggiungere questa località prendere l’autostrada con uscita ad Ancona sud / Osimo).
È possibile fin d’ora prenotarsi (e-mail info@capponiclaudio.it – telefono 333 4987209)
fornendo nome e cognome, città di provenienza, e telefono.
Ci siamo organizzati per ricevere 200 partecipanti, per cui le prenotazioni verranno prese in  ordine di arrivo.

Questo il programma:

 

Domenica 15 Settembre 2019

Ore 8,30/9,00    Arrivo a Castelfidardo – Piazza della Repubblica  Parcheggio piazzale Michelangelo
(Scala mobile a disposizione)

Ore 9,30              Ricevimento dei partecipanti da parte dell’Amministrazione Comunale e della Ass. Culturale Farfisa

Ore 9,45              Proiezione di foto e video storici Farfisa

Ore 10,30            Visita al Museo del Risorgimento

Ore 11,15             Visita al museo internazionale della fisarmonica

Ore 12,45           Pranzo al ristorante  Amaranto’s  (Castelfidardo)

Ore 16,00          Visita all’esposizione di strumenti musicali storici Farfisa presso auditorium San Francesco

Ore 17,30          Salone degli Stemmi: Concerto del campione del mondo di organetto Giuliano Cameli

Ore  18,00       Salone degli Stemmi: Concerto dei Maestri: Pino Gulizia
al pianoforte trasparente Furstein Farfisa e Roberto Serenellini al sassofono

Tutte le spese sono sostenute dagli organizzatori, mentre il pranzo è a carico di ogni partecipante (Euro 30,00)

 

 

 Capponi Claudio

 

The post FARFISA DAY first appeared on Capponi Claudio.

]]>
ASSOCIAZIONE CULTURALE FARFISA https://www.capponiclaudio.it/associazione-culturale-farfisa/ https://www.capponiclaudio.it/associazione-culturale-farfisa/#respond Wed, 23 May 2018 20:07:52 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=16097 Sono aperte le iscrizioni all’Associazione Culturale Farfisa .
Puoi sostenere le attivita’ musicali organizzate durante l’anno
con un piccolo sostegno di 10 euro
riceverai via posta la tua tessera personale.

info@capponiclaudio.it 
tel. 3334987209

The post ASSOCIAZIONE CULTURALE FARFISA first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/associazione-culturale-farfisa/feed/ 0
NOLEGGIO STRUMENTI STORICI https://www.capponiclaudio.it/concerti-natalizi/ https://www.capponiclaudio.it/concerti-natalizi/#respond Fri, 19 Jan 2018 23:54:42 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=15936 Tramite l’Associazione Culturale Farfisa è possibile prenotare strumenti storici Farfisa come l’introvabile pianoforte acustico Furstein trasparente, le serie di organi Compact, Professional, Vip, ecc….. per concerti, dimostrazioni, sale di incisione, ed eventi di qualsiasi tipo.

Anche molti altri strumenti di altre marche storiche sono disponibili!

Contatti: info@capponiclaudio.it       Tel 333 4987209

 

The post NOLEGGIO STRUMENTI STORICI first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/concerti-natalizi/feed/ 0
STORIA DEL BANDONEON https://www.capponiclaudio.it/storia-del-bandoneon/ https://www.capponiclaudio.it/storia-del-bandoneon/#respond Sun, 24 Jan 2016 16:20:28 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12191

Il bandoneo’n fu prodotto artigianalmente tra gli anni 1845-46 nella citta’ tedesca di Krefeld dal musicista e fabbricante di strumenti Heinrich Band (1821-1860) con lo scopo di ottenere uno strumento portatile il cui suono fosse simile a quello dei piccoli organi.
Questa invenzione diede al mondo musicale uno strumento nobile e di facile trasporto, motivo per cui fu adoperato nelle processioni religiose.
In seguito, sempre per le sue caratteristiche, fu utilizzato per eseguire musiche popolari e ballabili.
Si deve probabilmente all’ irlandese Thomas Moore l’ introduzione del bandoneo’n in Argentina e Uruguay, dove, grazie alla danza popolare del tango, esso e’ divenuto lo strumento piu’ diffuso nel Rio de la Plata.
E’ stato l’argentino Alejandro Barletta a restituire il bandeneo’n al repertorio classico negli anni quaranta facendo, inoltre progredire la tecnica dello strumento.
Il bandoneo’n e’ composto da due tastiere: 38 tasti per la mano destra e 33 per la mano sinistra.
questi 71 tasti ad eccezione di 12, emettono una nota quando si apre il mantice ed un’ altra quando lo si chiude, senza relazioni di tono o semitono.
La sue estensione e’ di quasi 5 ottave.
La particolare distribuzione dei tasti nei due manuali permette l’ esecuzione di accordi molto ampi che sarebbe impossibile con altri strumenti.

The post STORIA DEL BANDONEON first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/storia-del-bandoneon/feed/ 0
MANUTENZIONE DEL PIANOFORTE https://www.capponiclaudio.it/manutenzione-del-pianoforte/ https://www.capponiclaudio.it/manutenzione-del-pianoforte/#respond Sun, 24 Jan 2016 16:17:28 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12188

Il vostro pianoforte è il risultato di continui studi e perfezionamenti nel corso di questi ultimi tre secoli. Tempo durante il quale tecnici inventori e fisici si sono sbizzarriti a trarre da questo meraviglioso strumento il miglior tocco e il miglior suono possibile.
Abbiate cura del vostro strumento! Non collocarlo vicino a fonti di calore, di finestre o di pareti esterne: sole battente, correnti d’aria, calore anormale, eccessiva umidità, troppa aria secca possono causare la deformazione dei legni pregiati con cui sono realizzati i mobile e i precisi meccanismi del pianoforte.
E’ consigliabile rinunciare ad ornare il pianoforte di soprammobili vari che con il suono dello strumento a volte producono delle fastidiose vibrazioni.
Non utilizzare per la puliza dello strumento solventi, detersivi, alcool che potrebbero macchiare o rigare il mobile e la tastiera.
Utilizzare soltanto panni morbidi asciutti o leggermente umidi.
Far accordare almeno una volta all’anno il pianoforte per poter conservare nel tempo le qualità acustiche dello strumento, per controllare la piena efficienza funzionale di tutti i meccanismi e per avere sempre una accordartura stabile nel tempo.
L’attenzione prestata a queste norme sarà ricambiata dal perfetto funzionamento del pianoforte nel corso di lunghi anni e di molte piacevoli ore.

The post MANUTENZIONE DEL PIANOFORTE first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/manutenzione-del-pianoforte/feed/ 0
STORIA DEL PIANOFORTE https://www.capponiclaudio.it/storia-del-pianoforte/ https://www.capponiclaudio.it/storia-del-pianoforte/#respond Sun, 24 Jan 2016 16:14:10 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12185

I piu’ antichi reperti musicali archeologici si possono datare alla media eta’ della pietra, l’ epoca dell’ uomo di Neanderthal (circa 50.000 anni fa).
Si tratta di semplici idiofoni di legno o di pietra a percussione, a rotazione, a raschio, o di legni legati a spaghi, il tutto atto comunque a generare non suoni veri e propri ma fragori e fruscii.
Nel VI secolo A.C. Pitagora, per scopi scientifici realizza il monocordo.
Esso era costituito da una tavola armonica su cui era posta una corda in trazione.
Dal monocordo sono derivati i vari strumenti a corda che oggi conosciamo con i nomi di spinetta, virginale, clavicembalo.
Questi strumenti si suonavano mediante plettri mossi da una tastiera.
Ma il vero predecessore del pianoforte può essere considerato il clavicordo, le cui corde, tramite la tastiera, venivano percosse e non pizzicate.
Nel 1702 il fabbricante di cembali Bartolomeo Cristofori nato a Padova il 4 maggio 1655 diede vita al vero e proprio pianoforte da lui chiamato clavicembalo con il piano e il forte.
La geniale creazione del Cristofori, guardata con indifferenza dai connazionali, fu invece ripresa dal germanico Gottfried Silbermann che vi apportò ulteriori perfezionamenti.
Da allora questo meraviglioso strumento chiamato inizialmente anche fortepiano, andò via via migliorando fino ad arrivare alla perfezione attuale.
Ed è molto triste dover constatare che una invenzione così geniale nata in Italia sia stata diffusa nel mondo dalla Germania che è considerata la vera patria del pianoforte.
Nel 1732 Bartolomeo Cristofori muore a Firenze, in povertà e abbandonato da tutti.
Come in Italia il pianoforte nacque, così pure in Italia vide la luce il primo pianoforte verticale costruito dal sacerdote toscano Domenico Del Mela nel 1738, ma questa idea, rimasta per lungo tempo isolata, venne ripresa solo 1800 in Inghilterra dall’americano Isaac Hawkins.
Nel 1770 Muzio Clementi scrive la prima musica per pianoforte (le tre sonate opera 2).
Nel 1802 Thomas Loud presenta un pianoforte verticale con corde diagonali.
Nle 1821 il francese Erard inventa il doppio scappamento che costituisce la vera importante innovazione tecnica rispetto al prototipo del Cristofari.
Nel 1826 Pape (Parigi) sostituisce la pelle dei martelli con il feltro.
Nel 1859 Steinway brevetta in America il suo primo grande telaio di un solo pezzo di ghisa per pianoforte a coda.
Nel 1874 Steinway introduce il pedale tonale.
Nel 1910 è in gran voga il pianoforte automatico o autopiano.
Nel 1965 a luogo a Berlino il primo Congresso Internazionale del pianoforte cui partecipano fabbricanti, commercianti, tecnici e docenti.
Attualmente fabbriche di pianoforti esistono in quasi tutte le nazioni; le maggiori e più note si trovano in Germania, Stati Uniti d’America, Giappone, Inghilterra, Francia, Italia, Svizzera, Cecoslovacchia, Olanda, Finlandia, Russia, Corea, Cina, Taiwan, ecc…

The post STORIA DEL PIANOFORTE first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/storia-del-pianoforte/feed/ 0
CHI HA INVENTATO LA FISARMONICA? https://www.capponiclaudio.it/chi-ha-inventato-la-fisarmonica/ https://www.capponiclaudio.it/chi-ha-inventato-la-fisarmonica/#respond Sun, 24 Jan 2016 16:08:16 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12182

Molte sono le versioni esistenti in proposito: c’è chi  attribuisce la costruzione del primo rudimentale organetto al berlinese Buschmann verso il 1830, altri invece sostengono che l’inventore sia un anonimo pastore piemontese, altri ancora la maggioranza fanno risalire l’invenzione al viennese Damian.
Egli avrebbe inventato uno strumento dalle caratteristiche tecniche e musicali molto vicine a quelle della fisarmonica nel 1829.
Purtroppo non esistono documenti ufficiali che possano convalidare questa o quell’altra versione; il mistero rimane.
La fisarmonica è uno strumento ad ancia libera.
Viene definita ancia una sottile linguetta di metallo (argento, rame ottone, acciaio) o di canna generatrice diretta o indiretta del suono.
L’ancia viene fissata alla base di un piastrino metallico a forma rettangolare con una apertura centrale delle stesse dimensione della linguetta.
Questa sottoposta alla spinta dell’aria vibra liberamente ed emette un suono molto bello.
Il pregio dell’ancia libera è che variando la pressione dell’aria si può passare dal piano al fortissimo, senza che l’altezza del suono subisca variazioni.
Antenato della fisarmonica è il Tcheng (una specie di organo a bocca) usato già tre secoli a.c. dai cinesi.
Ancora oggi esiste in alcune zone del continente giallo.
In occidente solo verso il 1780, si cominciò a conoscere l’ancia libera.
Fu il francese Grenie, studioso di problemi tecnico musicali, ad applicarla al suo orgue-expressif.
La leggenda racconta che sia accaduto questo: nel 1863, l’austriaco Damian sarebbe capitato in pelligrinaggio al Santuario di Loreto; fece sosta una sera d’estate presso un casolare di Castelfidardo chiedendo di dormire per una notte. Il padrone di casa, un giovane contadino amante della musica, notò che lo straniero portava con se uno strano strumento e si incuriosì così tanto da penetrare di nascosto nella stanza dell’ospite per poter vedere e controllare quello strano strumento. Il giorno successivo, al mattino, chiese allo straniero di vendergli quello strumento e con poche moneto lo acquistò. Nei giorni successivi il contadino smontò pezzo per pezzo lo strumento e lo ricompose. Nella sua mente ravvisò in quella (cosa) un nuovo strumento musicale da perfezionare e lanciare in tutto il mondo.
Quel contadino si chiamava Paolo Soprani.
Fu lui il padre della fisarmonica italiana.
Poco dopo aprì una modestissima bottega artgiana a Castelfidardo.
Paolo Soprani aprì così la strada alla diffusione della fisarmonica nel mondo.

The post CHI HA INVENTATO LA FISARMONICA? first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/chi-ha-inventato-la-fisarmonica/feed/ 0
SILENZIAMENTO DEL PIANOFORTE https://www.capponiclaudio.it/silenziamento-del-pianoforte/ https://www.capponiclaudio.it/silenziamento-del-pianoforte/#respond Sun, 24 Jan 2016 15:58:31 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12179
Mi ricordo che quando lavoravo in Farfisa i nostri rappresentanti a loro volta spinti dai negozianti lamentavano il fatto che i pianoforti nei condomini creavano problemi di convivenza a causa del forte suono emesso.
E fu cosi’ che nel lontano 1990 il nostro direttore generale Giordano Paccaloni incarico’ Carlo Pieriste’ collega tecnico accordatore di grandissimo valore nonche’ insostituibile amico di fare delle ricerche per mettere a punto un sistema che risolvesse questo problema.
Dopo una fase di sperimentazione durata circa un anno nel 1991 grazie alla inventiva di Carlo Pieriste’ venne messo in produzione il primo silenziamento per pianoforte chiamato Night and Day.
La Farfisa come in altre occasioni e’ stata pioniere anche in questa innovazione .
Alla sua prima esposizione al musik messe di Francoforte ebbe un successo strepitoso in quanto questo sistema andava a risolvere un problema in campo mondiale.
Il funzionamento di questo sistema era tanto semplice quanto geniale.
Ai fianchini della meccanica venne montata una barra movibile, azionando il pedale centrale che nei pianoforti normali abbassa la sordina la barra si avvicina agli stiletti dei martelli nella parte alta.
I martelli effettuato lo scappamento a circa due millimetri dalle corde percuotono questa barra, dove e’ fissata una striscia di gomma adesiva per evitare rumori anomali.
Nel frattempo il tasto abbassato pigia su di un gommino posizionato su una contattiera elettronica.
Il tutto e’ gestito da un microprocessore che controlla i suoni di un pianoforte precedentemente campionato ascoltabile in cuffia con relativo controllo della dinamica (tocco).
Questa versione era molto semplice: un ingresso per l’alimentazione, una uscita per cuffia, un controllo di volume ed il midi.
Successivamente furono fatte alcune modifiche sia sulla dinamica sia sulla posizione della contattiera per ottimizzare il prodotto al meglio.
Dopo circa un anno nel 1992 venne messo in produzione un nuovo modello il Night and Day 2.
Questa versione miglioro’ ancora il prodotto, oltre il midi i suoni di pianoforte diventano quattro, il suono e la dinamica risultano migliorati, le uscite per cuffia sono due con i relativi controlli di volume indipendenti.
Grazie al nostro direttore Giordano Paccaloni ed all’ingegno di Carlo Pieriste’ e’ innegabile che la Farfisa e’ rimasta sul mercato del pianoforte con maggiori potenzialita’.
Successivamente tutte le piu’ importanti fabbriche di pianoforti presero spunto dal Night and Day per costruire a loro volta prodotti analoghi.
Con la tecnologia attuale il suono del pianoforte campionato e’ ovviamente molto piu’ bello e reale cosicche’ il tocco.
Per quanto riguarda la contattiera non ce’ piu’ un contatto fisico tra il tasto ed il gommino.
Oggi si usano contattiere a sensori ottici e fotocellule.
Diverse sono le ditte che costruiscono dei kit di silenziamento per pianoforti che possono essere installati sia sui verticali sia sui coda ed anche su strumenti molto vecchi.
Il costo non e’ trascurabile ma indiscutibili sono i vantaggi.
Se pensate di installarne uno sul vostro pianoforte affidatevi ad un tecnico di fiducia e di provata esperienza!
Grazie a questo sistema potrete suonare il vostro pianoforte in qualsiasi ora del giorno e della notte senza recare disturbo a nessuno e con il tocco inalterato.
Ben venga l’elettronica se come in questo caso lascia inalterate tutte le proprieta’ dello strumento offrendo dei grandi vantaggi!!

 

The post SILENZIAMENTO DEL PIANOFORTE first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/silenziamento-del-pianoforte/feed/ 0
IL POETA DELLA FISARMONICA https://www.capponiclaudio.it/il-poeta-della-fisarmonica/ https://www.capponiclaudio.it/il-poeta-della-fisarmonica/#respond Sun, 24 Jan 2016 15:54:45 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12176

Gervasio Marcosognori e’ nato il 3 12 1927 dove e’ nata la fisarmonica: a Castelfidardo (Ancona).
Fin da bambino si e’ dedicato con profonda passione  allo studio della musica e della fisarmonica, suo primo maestro e’ il padre Giovanni esperto tecnico della fisarmonica e sensibilissimo fisarmonicista egli stesso.
Anche lo zio paterno Gervasio (da cui ha preso il nome) era un musicista, nel 1915 al conservatorio Rossini di Pesaro si era diplomato in strumentazione per banda.
Il talento del grande musicista si manifesta sin dalla giovanissima eta’, quando a soli sette anni suona davanti al Duce, Benito Mussolini in occasione della Mostra sul Risorgimento a Roma.
A quindici anni ha vinto il suo primo concorso rivelando una prodigiosa sensibilita’ musicale.
Nel 1947 la sua prima affermazione ad Ancona al primo concorso nazionale.
Da allora il suo cammino artistico e’ tutto costellato di luminosi successi ottenuti in innumerevoli concerti in tutti i continenti, Europa occidentale, Russia, Stati Uniti, Sudamerica, Australia, Africa……… ed ha ricevuto elogi senza riserve.
La sublime poetica della fisarmonica di Gervasio Marcosignori e la soavita’ delle sue note hanno conquistato anche le platee piu’ esigenti.
Frequentatissime sono anche le le sue performances alla radio e alla televisione dei principali paesi europei.
Fu in occasione di un concerto alla Royal Festival Hall di Londra dove suono’ in onore della regina Elisabetta per il festival dell’incoronazione che la stampa inglese, esprimendo parole di vivissimo elogio per il giovane artista italiano, lo defini’ the poet of the accordion, il poeta della fisarmonica.
Grazie alle sue inimitabili interpretazioni di musiche originali e trascritte (elabora egli stesso le trascrizioni dei brani del suo repertorio) la fisarmonica ha rivelato possibilita’ musicali finora sconosciute.
Il piu’ ambito riconoscimento a questo grande artista e’ stato l’assegnazione dell’ Oscar Mondiale della Fisarmonica conferitogli nel 1959.
Di particolare importanza didattica sono i suoi tre volumi “Tecnica della fisarmonica” distribuiti dalle edizioni Berben di Ancona.
Gervasio Marcosignori ha inciso su dischi della Decca inglese e per la Cetra.
Per moltissimi anni anni ha suonato esclusivamente con le fisarmoniche tradizionali ed elettroniche costruite dalla Farfisa.

The post IL POETA DELLA FISARMONICA first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/il-poeta-della-fisarmonica/feed/ 0
ADALBERTO GUZZINI https://www.capponiclaudio.it/adalberto-guzzini/ https://www.capponiclaudio.it/adalberto-guzzini/#respond Sun, 24 Jan 2016 15:51:53 +0000 https://www.capponiclaudio.it/?p=12172

Come ormai e’ arcinoto l’organo elettronico nasce nei primi anni sessanta e la Farfisa e’ la prima azienda al mondo a mettere in produzione a livello industriale questo bellissimo strumento.
E’ stato subito un successo grandioso, l’organo elettronico veniva venduto in tutti i paesi del mondo e le nostre fabbriche facevano fatica a produrre le quantita’ richieste.
Intanto nascevano tantissimi concorsi musicali legati a questo strumento, ma ovviamente musiche specifiche non ne erano state ancora scritte.
A colmare questo vuoto ci penso’ Adalberto Guzzini.
Adalberto e’ stato il primo compositore al mondo a scrivere e trascrivere musiche per questo strumento.
Nato a Recanati (MC) il 23/07/1935, paese anche di Giacomo Leopardi, viene assunto dalla Farfisa nel 1967 dove ricopre l’incarico di collaudatore e responsabile qualita’ degli organi elettronici. In Farfisa
rimane fino al 1992.
I suoi primi studi di pianoforte ed armonia li svolge giovanissimo con il maestro Adamo Volpi di Loreto, poi successivamente fa un corso di composizione con il maestro Gianfelice Fugazza.
Tra le sue composizioni piu’ popolari e conosciute  ed eseguite in tutto il mondo ricordo: The Glass Is Falling, Fantasia Brasiliana, Jazzman Swing ecc……………
Inoltre il maestro Adalberto Guzzini ha scritto Accordion Theme per fisarmonica che e’ stata la sigla ufficiale del trentunesimo Trofeo Mondiale Della Fisarmonica Svoltosi a Castelfidardo dal 1 al 4 ottobre del 1981.
Tutte le sue pubblicazioni sono edite dalla casa editrice Berben di Ancona.

riconoscimento_a_adalberto_guzzini

The post ADALBERTO GUZZINI first appeared on Capponi Claudio.

]]>
https://www.capponiclaudio.it/adalberto-guzzini/feed/ 0